5 errori frequenti in link building e content publishing - Profit Hunter

5 errori frequenti in link building e content publishing - Profit Hunter

L'ottimizzazione SEO è un campo di attività complesso e molto dinamico in cui è facile commettere un errore. La cosa principale - essere in grado di correggere i loro difetti. In questo post esamineremo 5 errori comuni che alcuni ottimizzatori fanno riguardo al contenuto e al link building. Sia i principianti che i veri professionisti si sbagliano, quindi consigliamo a tutti di leggere questo post.

Contenuto dell'articolo

  1. Forgia tutti o la maggior parte dei link al principale
  2. Terminazione del link building dopo essere entrato in TOP
  3. Rifiutarsi di usare il blog come strategia
  4. Ignoranza della pertinenza
  5. Uso di ancore sul marchio
  6. Riepilogo

Errore n. 1 - impostazione di tutti o la maggior parte dei collegamenti sul principale

5 errori frequenti in link building e content publishing - Profit Hunter

Questa è una brutta strategia. Anche se molti lo fanno in questo modo, seguire la folla significa essere sicuri di trovare il tuo sito Web, ad esempio, da qualche parte sulla decima pagina di pubblicazione. Una buona strategia è quella di fare riferimento non solo alla pagina principale, ma anche alle pagine interne.

Prendi Wikipedia per esempio. Questo è il sito che è il sesto più popolare al mondo. Maestoso SEO mostra che Wikipedia ha un totale di 600 milioni di backlink, e di questi solo 6 milioni (vale a dire solo l'1%) sono a casa.

Spargendo la massa di link sull'intero sito, anziché concentrarlo su una sola pagina, i collegamenti a ritroso e il traffico proveniente da essi diventano più mirati. E sembra naturale. Le persone non devono cercare nell'intero sito ciò di cui hanno bisogno, perché lo hanno già mostrato mettendo un backlink adatto sulla pagina interna.

Inoltre, i visitatori che ricevono informazioni di loro interesse, migliorano i fattori comportamentali, che, a loro volta, aumentano la visibilità del sito nella ricerca.

Errore n. 2 Terminazione del link building dopo essere entrati nella TOP

L'ottimizzazione SEO è un fenomeno dinamico e la posizione nel problema è in continua evoluzione. Pertanto, la campagna per promuovere le richieste al TOP non si ferma mai. Guarda la situazione con gli occhi del PS: non è successo niente di interessante al sito, poi improvvisamente "è venuto alla vita" e ha cominciato a crescere troppo con i link, e dopo essere entrato in primo piano - di nuovo il silenzio. Sembra sospetto, non è vero?

PS può "pensare" che i collegamenti al sito sono stati acquistati per qualche tempo e, al raggiungimento del risultato, l'acquisto è stato interrotto. Tale ipotesi di un motore di ricerca può solo influire negativamente sul lavoro svolto. La seconda ipotesi del PS è che la pagina è diventata virale per un breve periodo, e quindi la sua popolarità è svanita rapidamente, perché l'argomento è diventato irrilevante. Quindi non ha senso posizionarlo in alto.

Continua a creare l'impressione che le pagine del sito siano interessanti per gli utenti. Non smettere di comprare link.

Errore n. 3 Rifiutarsi di utilizzare il blog come strategia

Con che frequenza i contenuti vengono aggiornati sulla maggior parte dei siti, in particolare quelli commerciali? Non troppo spesso. Ad esempio, nella pagina "Informazioni sull'azienda" o "Servizi", le schede prodotto non necessitano di aggiornamenti frequenti (beh, se succede più volte all'anno).

Il sito è "napping", ma al motore di ricerca non piacciono i siti inattivi. Se hai un blog in aggiunta al sito principale sullo stesso dominio, allora vale la pena aggiungere una pagina almeno una volta al mese o alla settimana. Ogni pagina ottimizzata porta traffico aggiuntivo che può essere convertito in clienti.

Ad esempio, prendi HubSpot. com: il 70% del loro traffico proviene dai loro vecchi post sul blog. Il 70% dei visitatori occasionali che ricevono una parte di contenuti di alta qualità e interessanti vengono convertiti in clienti.

Non è necessario concentrare tutta l'attenzione e i budget seo sui blog negli affari, ma per rinfrescare il sito con contenuti pertinenti e interessanti vale sicuramente la pena.

Errore n. 4 Ignoranza della pertinenza

Una volta George Lois (leggenda pubblicitaria) disse: "Se pensi che le persone siano stupide, passerai tutta la vita a fare uno stupido lavoro".

5 errori frequenti in link building e content publishing - Profit Hunter

Le persone sono più intelligenti di quanto sembrino. I potenziali acquirenti si aspettano che presenteranno i prodotti in modo creativo. Ma la cosa più importante è che vogliono fidarsi e capire che stanno spendendo soldi con grandi benefici.

Pertanto, il contenuto che crei per il posizionamento in PS dovrebbe essere pertinente alle richieste promosse e affidabile. I motori di ricerca sono inoltre dotati di una certa intelligenza: diventano più intelligenti con ogni mese che passa. Ciò è dimostrato dalla tecnologia LSI e Google RankBrain, già incorporati negli algoritmi di ricerca. Pertanto, dovresti dimenticare le tecniche ingannevoli in SEO.

Quale contenuto è considerato rilevante:

  • È rilevante per il sito per cui è stato creato;
  • Ha significato per il lettore;
  • Corrisponde a tutte le frasi chiave utilizzate;
  • Tutti i backlink che fanno riferimento ad esso sono il più pertinenti possibile;
  • Aiuta a migliorare la qualità del sito.

Se manca almeno uno dei criteri, il contenuto non sarà considerato rilevante.

Le ancore di errore n. 5 sul marchio

5 errori frequenti in link building e content publishing - Profit Hunter

non sono utilizzate. Da tempo è noto che la diversità dell'elenco di ancoraggi gioca un ruolo cruciale nella simulazione della naturalezza del profilo di riferimento. Molti SEO sottovalutano i brand anchors, che includono:

  • nome del marchio;
  • nome del dominio;
  • nome del proprietario del sito (se, ad esempio, vengono promossi i servizi di uno specialista specifico) avvocato, venditore, ecc.).

All'inizio di questo post è stato detto che non dovresti fare riferimento a quello principale, ignorando le pagine interne. Così è, ma non nel caso di tali ancore. Quando scrivi un post guest (o corrotto) che menziona il tuo marchio o nome di dominio, è consigliabile renderlo cliccabile. Questa è una grande opportunità per migliorare la classifica del sito (se, naturalmente, l'ancora è scritta nel testo armoniosamente e completa l'idea dell'articolo).

Tale strategia non è punibile, al contrario, può portare un miglioramento significativo nella posizione del sito.

Riassumendo

Ancora una volta, eseguiamo il lavoro sugli errori e riepiloghiamo quanto sopra.

  1. Ci concentriamo sul recupero dei collegamenti alle pagine interne.
  2. Continuiamo a lavorare sull'ottimizzazione delle pagine, anche se sono nella TOP. Mentre rinunciare al gioco e smettere di lavorare, gli indicatori spesso non cambiano nella tua direzione.
  3. Aggiorniamo il sito il più spesso possibile, ma almeno una volta al mese.
  4. Creiamo solo contenuti pertinenti (creati da autori competenti nella tua nicchia), concentrandoci sui bisogni delle persone e di PS, sul tema del sito.
  5. Per la costruzione di link, utilizziamo gli ancoraggi del marchio su quello principale, ma solo dove è appropriato. Se in alcune situazioni è meglio fare riferimento alla pagina interna, il link al nome di dominio o alla marca, molto probabilmente, non sembrerà naturale.

Ti piacciono gli articoli? Iscriviti alla newsletter!

Ricerca

articoli Correlati